Piero Guccione e Achille Perilli
Al confine dell'astrazione

da un’idea di Vittorio Sgarbi e Lorenzo Zichichi 
a cura di Marco Di Capua e Daniela Ferrari

Un inedito confronto tra due artisti del secondo Novecento: da un lato Piero Guccione, il pittore della luce e del mare, dall'altro Achille Perilli, promotore della più pura astrazione. Al centro, il colore e la forma.

Legato alla sua terra d’origine - la Sicilia - e allo stesso tempo riconosciuto in tutt'Italia, Guccione visse nella Roma neorealista di Fausto Pirandello, Renato Guttuso, Carlo Levi. Achille Perilli è invece stato uno dei membri di Forma 1, il movimento che nell'immediato dopoguerra professa il valore della forma in opposizione a ogni possibile interpretazione di natura simbolica, sentimentale o psicologica dello spazio della tela.


Pur seguendo traiettorie proprie, lo stile dei due artisti resterà intimamente legato a queste prime esperienze. La pittura di Guccione, tornato in Sicilia alla fine degli anni Settanta, si porrà al di sopra di ogni corrente artistica dell'epoca; quella di Perilli proseguirà nel solco di una rigorosa astrazione, alla ricerca di cromatismi accesi e brillanti. (testo Mart)

Mart - Museo di arte moderna e contemporanea di Trento e Rovereto
dal 21 ottobre 2021 al  9 gennaio 2022
Orari museo: Mart-Dom 10-18; Venerdì 10-21; Lunedì chiuso

copertina Guccione Perilli_page-0001 copy.jpg

Photo Gallery